Le bestie del Gioco del Poker

Phil Hellmuth ha tanto da dire su come vincere a poker. E una grande parte di questo è stato preso e riformulato da altri autori. Quest’uomo è l’ Ernest Hemingway nella scrittura di poker. Una cosa lui ha scritto è sui diversi tipi di animali che si possono incontrare al tavolo di poker. Paragonando I diversi tipi di giocatori ai diversi tipi di animali, Hellmuth ha creato una metafora meravigliosa ed uno strumento mnemonico. Ha categorizzato I giocatori nei cinque diversi tipi di animali come al segue:

Il topo è un giocatore debole-stretto. Intimidito facilmente, può essere controllato da altri giocatori più esperti e aggressivi che vogliono assicurarsi la loro vittoria. I topi vincono raramente se mai, e sono I primi a lasciare il tavolo anche se hanno ancora gettoni.

Come il topo, lo sciacallo è un giocatore debole. Però allo sciacallo piace giocare libero-aggressivo, e anche se usa tanti gettoni, la sua aggressività gli fa vincere alcuni piatti. Gli sciacalli lasciano il tavolo poco dopo I topi e non hanno nessuno gettone quando escono.

Gli elefanti sono le stazioni di chiamata. Chiamati anche pietre sono opponenti utili da avere al tavolo. La loro debolezza più grande è la loro prevedibilità. Potete usarli come tutte le stazioni di chiamata.

I leoni sono giocatori stretti-agressivi. Giocano costantamente bene anche se fanno qualche sbaglio. La maggior parte dei giocatori forti sono I leoni e costituiscono la maggiore parte dei vincitori.

Gli ultimi animali sono le aquile. Hellmuth figura che probabilmente ci siano solo cento aquile in tutto il mondo. Queste sono le persone veramente grandi. I giocatori che vincono sempre e nessuno sa perché. Loro sono ad un livello più alto di noi poveri mortali di poker e loro sono quello che noi vogliamo essere.