Un giudice ha classificato il poker un gioco d’azzardo

law.jpgI gioco del poker è considerato dalla maggioranza un gioco di capacità e non di fortuna, ma quest’idea non è stata accettata da un giudice della Pennsylvania che ha classificato il famoso gioco a carte come gioco basato sulla fortuna.

Il mondo del poker non ha preso bene la notizia arrivata dalla corte di Pittsburgh la scorsa settimana, quando il giudice Richard McCormick Jr. ha dichiarato che il poker sarebbe stato considerato un gioco basato sulla fortuna e non sulle abilità di gioco.

Larry Burns, un avvocato di Westmoreland che è andato in corte per cercare di recuperare dei soldi confiscati quest’estate in un raid della polizia. Burns ha conteso che i tornei che aveva organizzato erano legali visto che il poker non è considerato illegale cotto la legge statale. Ha contestato che il poker è un gioco basato sulle abilità del giocatore.

John Peck, la difesa distrettuale ha invece cotrabbattuto che il poker è un gioco basato sulla fortuna, dichiarando: “A prescindere dal fatto che uno vinca o perda, il gioco è essenzialmente basato sulle carte che vengono distribuite dal croupier e che quindi è basato sulla fortuna del giocatore.”

Il giudice è stato dell’opinione di Peck,e tutto il denaro e gli oggetti da gioco d’azzardo di Burn saranno confiscati fino a quando l’uomo non andrà sotto processo il mese prossimo. La decisione del giudice non è stata presa bene dalla comunità del poker che sta arduamente combattendo per riuscire a far legalmente classificare il poker come gioco basato sull’abilità e non sulla fortuna. Se riusciranno a prendere mano, allora sarà difficile che la legge riesca a proibire i giochi che sono adesso considerati illegali.

La decisione di questa udienza non è comunque stata positiva per quando riguarda quelli dalla parte del poker.